Ripartiamo da Benedetto!

Ripartiamo da Benedetto! Ripartiamo dalla croce, dal libro e dall’aratro.

Questi tre oggetti rappresentano il simbolo della rivoluzione benedettina.

Come ha efficacemente ricordato in una sua omelia Dom Louis-Marie Geyer d’Orth, abate benedettino del monastero Sainte-Madeleine di Le Barroux, ciascuno di quei tre oggetti ha un significato particolare anche per noi oggi.

Croce

La croce, che si trova al centro dei nostri altari e delle nostre chiese, ci richiama il primato assoluto del culto divino su ogni altra attività umana, e incarna un lancinante grido di protesta contro il materialismo esacerbato della nostra società che finisce per svuotare la vita del suo significato. Solo la liturgia può dare alla vita il suo pieno significato, il senso della trascendenza assoluta di Dio sulle creature e sugli uomini. Per questo non dobbiamo avere paura di prenderci del tempo per la preghiera! Non ci lasciamo rubare il tempo dal mondo. Facciamo, invece, come san Benedetto: stabiliamoci una regola di vita che sappia sempre tener conto della gloria di Dio e della salvezza delle vostre anime.

Libro

Il libro simboleggia la cultura. San Benedetto ha salvato la cultura antica e l’ha sviluppata esigendo dai suoi monaci che leggessero varie ore al giorno: ha così restaurato il culto del sapere e l’amore della verità. La società nella quale viviamo è espressione di una cultura di morte. Una cultura che veicola in sé e che distilla nelle anime il suo veleno, fatto di un narcisistico egoismo che arriva fino al disprezzo di Dio e del più debole. È la ragione del più forte. Ecco perché dobbiamo mantenere nelle nostre famiglie, nelle nostre scuole, nei nostri movimenti il culto del sapere e il culto della verità, e l’amore per un’autentica cultura completamente penetrata dallo spirito cristiano. Leggiamo, quindi! Prendiamo il libro e leggiamo! Dobbiamo conoscere la storia della nostra terra, le radici dalle quali siamo cresciuti, i poeti, i maestri spirituali e i pensatori. Solo se appollaiati sulle spalle di questi giganti che ci sono stati dati dalla Provvidenza, potremo arrivare a vincere il principe di questo mondo e la sua cultura di morte, e a stabilire una nuova civiltà dell’amore.

Aratro

L’aratro con il quale i benedettini hanno dissodato le terre incolte per trasformarle in giardini fertili, simboleggia il fatto che attraverso il lavoro, il senso del dovere, il senso della responsabilità e le opere noi possiamo cambiare il mondo, possiamo trasformarlo in profondità per renderlo fecondo, cominciando a scalfire la “durezza della zolla” che rappresenta l’attuale realtà.

Solo attraverso la concezione di un lavoro che sia collaborazione dell’opera creatrice di Dio possiamo anche noi diventare creativi come il Creatore.

Oggi il segno più inquietante del moderno decadimento è la perdita di speranza e del significato del bene comune. Ebbene, è giunto il tempo di attuare l’esortazione di Benedetto: Siate ricolmi di speranza, mettete mano all’aratro!

Gianfranco Amato

Gianfranco Amato, avvocato, opera attivamente nel campo della bioetica da circa venticinque anni. È conferenziere a livello internazionale su tematiche bioetiche, riguardanti in particolare la fami- glia, l’educazione, le dipendenze giovanili, e il diritto naturale. È stato nominato, in qualità di esperto, Direttore del Comitato Tecnico Scientifico dell’Osservatorio permanente sulle famiglie della Regione Siciliana, con decreto assessoriale n.81 del 23.5.2023 È stato più volte audito, sempre in qualità di esperto, dal Parlamento italiano, sia al Senato che alla Camera dei Deputati, su proposte di legge attinenti alle tematiche di cui si occupa, in particolare in tema di libertà di opinione e di famiglia. È Presidente nazionale dell’organizzazione Giuristi per la Vita, un gruppo di avvocati, magistrati e docenti universitari che combattono a livello legale in difesa del diritto alla vita, della famiglia e della libertà di educazione. È noto anche in America Latina, soprattutto in Messico, Costa Rica e Cile, dove viene spesso invi- tato, in qualità di esperto internazionale, da istituzioni pubbliche a livello parlamentare, da Ordini Professionali, e da varie Università cui collabora a livello accademico. Ha scritto una quindicina di libri Ha ottenuto il premio “Testimoni 2014” dalla Fondazione Fides et Ratio, e il premio internazio- nale all’Impegno Sociale 2015 intitolato alla memoria dei giudici martiri Rosario Livatino, Anto- nino Saetta e Gaetano Costa.